Sul Blog

CheVitaVoglio (CVV) è un titolo che ho individuato dopo alcune settimane di riflessione e di consultazioni con amici e clienti. Sentivo sempre più forte il desiderio di condividere spunti e stimoli per il cambiamento personale e questo è l’obiettivo principale del Blog.

Trovo che nella maggior parte delle storie individuali, nelle vicende “comuni” di noi gente “comune”, ci siano molte occasioni che possano farci riflettere. Trovo anche che è sempre più facile ripensare la propria storia, partendo dalla storia di un altro: perché ci sentiamo distaccati pur identificandoci (come nei film, solo che qui è vero)!

Nelle nostre vicende, nelle nostre “coincidenze” quotidiane, come nei grandi eventi della nostra vita, io vedo tanta ricchezza e mi va di provare a mostrarla con l’intento che possa essere d’aiuto per altre persone.

Obiettivo secondario del Blog quindi è facilitare l’evoluzione di ognuno. Incrementare la possibilità di esprimere tutte le risorse personali più vere e profonde che ognuno possiede e può non vedere. Capita infatti che i momenti della vita più impegnativi, come anche le credenze limitanti che continuiamo a portare con noi, ci chiudono la visuale e il pensiero. Parlare di “altri” può essere occasione per riflettere su di noi!

Questo Blog, vuole essere in definitiva, stimolo e occasione di sviluppo.

2 risposte a “Sul Blog”

  1. patrizia cicchese ha detto:

    Parlare di “altri” può essere occasione per riflettere su di noi, è una condizione che mi

    colpisce molto e mi accorgo che su di me a volte è vera, però sono sorpresa di non

    coglierla negli altri. spesso mi succede di sentire/ascoltare sentenze o giudizi ma

    nessuna riflessione su quello che si sta dicendo, quindi nessuno indizio che possa far

    pensare “ecco, ora il giudizio o la sentenza non ci sarà”

    però, é bello condividere spunti e stimoli per il cambiamento personale
    patrizia

    • Cara Patrizia, non tutti siamo disposti a mettere in gioco “riflettendo”, anche si sta parlando di qualcun altro e non di sé.
      Anche in questo caso le nostre barriere inconsce, ci frenano e ci suggeriscono d’essere molto prudenti perché intuiscono che si tratta di un…. campo minato!
      Grazie per il tuo commento.

Che pensi di questo articolo? Lascia per favore, il tuo commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...